Il Politeama ha una capienza di 1054 posti così suddivisi: platea 930 posti e galleria 126 posti. Il palco ha le seguenti dimensioni: 16 metri di larghezza x 9 metri di profondità. La pendenza del palco è del 3%. L’altezza della graticcia è di 9 metri. I camerini disponibili sono 14. Per ulteriori informazioni su dati tecnici, pianta e Dwg della sala e del palco scaricare i file pdf qui sotto.
E' possibile affittare il teatro, per spettacoli, eventi, convention e riunioni. Per verificare la disponibilità delle date e richiedere informazioni sulle modalità di affitto e sui costi:

info@politeamagenovese.it

tel. +39.010.8311456

Informazioni tecniche

Storia del Teatro

UNA LUNGA TRADIZIONE DI PASSIONE PER IL TEATRO A GENOVA

 

Nel 1821 l’architetto Carlo Barabino disegnò un grande parco urbano, l’Acquasola, ai margini del centro abitato genovese. Quattro anni più tardi, ai limiti del parco, venne costruito un teatrino in legno come completamento del divertimento delle “montagne russe”.

Nel 1832 il teatro – battezzato Diurno perché aperto solo di giorno –  fu riedificato: un’arena capace di tremila posti.

Dopo il 1850 la zona, come buona parte delle aree collinari di Genova, fu soggetta a un’intensa urbanizzazione. Anche il teatro venne coinvolto nel cambiamento: acquistato dai fratelli Chiarella fu completamente ricostruito nel 1870 su progetto dell’architetto Nicolò Bruno. Quattro anni più tardi venne finalmente dotato di un tetto.

Nel 1932 un intervento dell’architetto Mario Labò trasformò notevolmente il teatro che – come quasi tutti i luoghi di spettacolo genovesi – fu distrutto dai bombardamenti inglesi nella seconda guerra mondiale.

Ricostruito nel 1955 su progetto di Dante Datta nei fondi di un moderno palazzo, il Politeama Genovese divenne nel 1936 la sala principale del Teatro Stabile di Genova.

Dal 1994 il Politeama Genovese è stato acquistato e gestito dalla Politeama Spa.

tratto da – Il Teatro dalle nove vite – Storia del Politeama Genovese (di Mario Bottaro)