Break the Tango
Break the Tango

19 febbraio

Break the Tango

con musica dal vivo
creato e diretto da German Cornejo
primi ballerini German Cornejo e Gisela Galeassi
ballerini Nicolas Schell, Noelia Pizzo, Ezequiel Lopez, Camila Alegre, Edgar Luizaga, Pamela Pucheta
breakdancer Henry Monsanto, Jonathan Anzalone, Gil Adan, Hernandez Candelas, Kwangsuk Park
direttore musicale Ovidio Velazquez

Dopo aver conquistato il pubblico di mezza Europa arriva finalmente in Italia lo spettacolo di danza che unisce le due danze regine dei sobborghi: il Tango e la Break Dance.

Due danze che nascono entrambe dai sobborghi più profondi, dalla strada, dal cuore più pulsante e misterioso delle città. Origine comune e distanza siderale apparentemente quella del tango e della street dance. Unire queste due anime è una sfida improbabile che German Cornejo, uno dei massimi esponenti del tango mondiale, ha inseguito per anni con casting in tutto il mondo e con una ricerca musicale e coreografica quasi maniacale. Il risultato sta conquistando l’Europa, è Break The Tango.
Rompere le regole, rendere i confini fluidi, unire stili diversi, Break The Tango è un qualcosa di più di un semplice spettacolo di danza, è un crocevia, un appuntamento con l’inaspettato, una sfida, uno show che mixa due mondi apparentemente distantissimi: il miglior tango acrobatico con la break dance, in un incontro/scontro dai risultati straordinari e imprevedibili.
Dopo aver letteralmente conquistato mezza Europa con una serie di sold out al Maag Halle di Zurigo, al Casino de Paris di Parigi, all’Admiralspalast di Berlino e al Museumsquartier Halle e di Vienna,Break the Tango approda finalmente in Italia nel febbraio del 2018.

Spettacolarità, musica live, tanto ritmo e una qualità eccellente dei protagonisti – un vero e proprio spaccato di quanto di meglio si muova in ambito internazionale nelle discipline del tango e della break dance scelto in più di due anni di selezioni in tutto il mondo – fanno di Break The Tango uno spettacolo che travalica le passioni per l’uno e l’altro genere senza deluderle e abbraccia un pubblico potenzialmente amplissimo che abbia voglia di divertirsi, sorprendersi, ballare, emozionare. Una platea quindi senza confini proprio come il filo rosso che attraversa lo show.
Sul palco ogni sera una spettacolare sfida tra balli dei sobborghi: da una parte la spericolata e sensuale eleganza del tango acrobatico, rappresentata ai suoi massimi livelli da artisti come il campione del mondo German Cornejo (peraltro creatore, direttore artistico e uno dei due coreografi dello spettacolo), Gisela Galeassialong, Ezequiel Lopez e Camila Alegre – dall’altra i ballerini di break, alcune delle più splendenti eccellenze nel campo provenienti da tutto il mondo – tra cui l’italianissimo Jonathan Anzalone.
Due realtà inizialmente lontane e antagoniste, che, nel corso dello spettacolo, movimento dopo movimento, si incontrano, si conoscono, si fondono, fino a dare vita a un sorprendente epilogo. Una commistione di emozioni esplosive dove non esistono più codici precisi e confini, ma solo la bellezza espressiva di due mondi, di due arti che vanno a creare dalla loro unione qualcosa di nuovo e speciale.
Ma Break The Tango non è solo danza.
L’altra grande protagonista è la musica. Un viaggio anch’esso che incontra e reinterpreta panorami lontani. Si va dall’electro tango, ai grandi classici della tradizione argentina fino alla musica pop di Adele. A farne rivivere la magia ogni sera una band live, composta da 4 elementi: piano, chitarra, bandoneon e batteria. Regina indiscussa della formazione, la cantante, Gisela Lepio, una voce potente e insieme raffinata, capace di inseguire e suscitare le emozioni più diverse.
La scenografia affidata, coraggiosamente essenziale e insieme suggestiva, crea un’atmosfera a tratti surreale che lascia tutto lo spazio alla danza, portata in scena con forza e audacia.