Elio
Elio

Dal 11 al 13 gennaio

Elio

Monty Python’s Spamalot


testo e Liriche Eric Idle
musiche John Du Prez
traduzione e adattamento: Rocco Tanica
e con Pamela Lacerenza, Andrea Spina, Umberto Noto, Giuseppe Orsillo, Filippo Musenga, Thomas Santu, Luigi Fiorenti
Ensemble Michela Delle Chiaie, Greta Disabato, Federica Laganà, Maria Carlotta Noè, Simone De Rose, Daniele Romano, Alfredo Simeone, Giovanni Zummo
direzione musicale Angelo Racz
scene Giuliano Spinelli
costumi Roberto Brancato
disegno luci Alin Teodor Pop
disegno audio Edoardo Priori
regia di Claudio Insegno

Dopo la notizia dello scioglimento del gruppo che ha lasciato increduli i tantissimi fan, Elio è pronto per una nuova avventura. Uno spettacolo che lo vede protagonista, a partire dal debutto nazionale del 17 novembre, al Teatro Nuovo di Milano. In scena, la prima assoluta in italiano di “Spamalot”, il Musical tratto da “Monty Python e il Sacro Graal” film-cult del più grande gruppo comico di tutti i tempi da cui l’umorismo e lo spirito di Elio e le storie tese hanno tratto ispirazione.

A raccogliere la sfida dell’adattamento in italiano del musical scritto da Eric Idle e John Du Prez è Rocco Tanica grande appassionato conoscitore dell’opera dei Monty Python. La sua cifra comica mostra orgogliosamente l’influenza del sestetto inglese: difficile immaginare qualcuno più adatto a cui affidare questo difficile compito. “Trentaquattro anni fa vidi al cinema Monty Python, Il senso della vita – dice Tanica – e fu una folgorazione. È un onore essere stato scelto per quest’incarico”.

Elio vestirà i panni di Re Artù e il suo ingresso nel cast completa il quadro e rende questa prima italiana di Spamalot un evento eccezionale, certamente uno degli spettacoli teatrali più attesi e richiesti della stagione 2017/18.

Elio torna al musical dopo il successo de La Famiglia Addams e sceglie di farlo confrontandosi con coloro che sono sempre stati uno dei principali punti di riferimento suoi e di Elio e le Storie Tese. Ricorda infatti Elio “Anch’io trentaquattro anni fa vidi “Il senso della vita”, ma a differenza di Rocco l’unica conseguenza fu che persi le chiavi della macchina, una 127 blu che oltretutto non era veramente mia, ma di mia mamma. Tornai il giorno dopo nel parcheggio e fortunatamente le ritrovai”.

In quarant’anni anni nessuno aveva mai osato mettere in scena i Monty Python, con la loro comicità surreale e testi pieni di riferimenti e giochi verbali spesso intraducibili o difficilmente comprensibili per un pubblico non anglosassone.

La regia è stata affidata a Claudio Insegno che ha già diretto altri successi come Jersey Boys e La febbre del sabato sera. La direzione musicale è di Angelo Racz, la coreografia è affidata a Valeriano Longoni.