Rossini Ouvertures
Rossini Ouvertures

18 aprile

Rossini Ouvertures

Spellbound

coreografia e regia Mauro Astolfi
musica Gioachino Rossini
set concept Mauro Astolfi, Marco Policastro
disegno luci Marco Policastro
realizzazione scene Filippo Mancini, CHIEDISCENA
scenografie, costumi Verdiana Angelucci

Omaggiando l’arte e la vita del geniale e controverso compositore (di cui nel 2018 ricorreranno i 150 anni dalla morte), la danza di Spellbound -che torna al Politeama dopo Carmina Burana e Le Quattro Stagioni- traduce in movimento sensuale e fulmineo i famosi “crescendo” rossiniani” nel suo nuovo spettacolo.

Sono sinceramente stato sedotto in 24 ore di ascolto continuo e ripetuto dal mondo Rossiniano, da questa genialità così prorompente e inebriante ma che al tempo stesso viveva camminando a braccetto con tante macchie nere, dilaniato da un profondo mal di vivere che, attraverso una fortissima ed energetica personalità, al limite del bipolarismo, ha creato opere musicali di una grazia assoluta ed eterna. Come scrive Alessandro Baricco: la musica di Rossini è una vera e propria “follia organizzata”. Intensità, caos puro, smarrimento, fuga schizoide …ma scappando ha creato qualcosa che non avrebbe mai più potuto essere ripetuto dopo di lui.
Mauro Astolfi