Ci vuole orecchio
Elio canta e recita Enzo Jannacci
Elio
21 gennaio 2023

drammaturgia
Giorgio Gallione

arrangiamenti musicali
Paolo Silvestri

con
Alberto Tafuri
pianoforte
Martino Malacrida
batteria
Pietro Martinelli
basso e contrabbasso
Sophia Tomelleri
sassofono
Giulio Tullio
trombone

luci Aldo Mantovani

scene Lorenza Gioberti

costumi
Elisabetta Menziani

regia Giorgio Gallione

Orari

Ore 21.00

Durata

1 ora e venti senza intervallo

Enzo Jannacci, il poetastro come amava definirsi, è stato il cantautore più eccentrico e personale della storia della canzone italiana, in grado di intrecciare temi e stili apparentemente inconciliabili: allegria e tristezza, tragedia e farsa, gioia e malinconia. E ogni volta il suo sguardo, poetico e bizzarro, è riuscito a spiazzare, a stupire: popolare e anticonformista contemporaneamente.
Jannacci è anche l’artista che meglio di chiunque altro ha saputo raccontare la Milano delle periferie degli anni ‘60 e ‘70, trasfigurandola in una sorta di teatro dell’assurdo realissimo e toccante, dove agiscono miriadi di personaggi picareschi e borderline, ai confini del surreale.
“Roba minima”, diceva Jannacci: barboni, tossici, prostitute coi calzett de seda, ma anche cani coi capelli o telegrafisti dal cuore urgente.
Un Buster Keaton della canzone, nato dalle parti di Lambrate, che verrà rivisitato, reinterpretato e “ricantato” da Elio.
Sul palco, nella coloratissima scenografia disegnata da Giorgio Gallione, troveremo assieme a Elio cinque musicisti, i suoi stravaganti compagni di viaggio, che formeranno un’insolita e bizzarra carovana sonora. A loro toccherà il compito di accompagnare lo scoppiettante confronto tra due saltimbanchi della musica alle prese con un repertorio umano e musicale sconfinato e irripetibile, arricchito da scritti e pensieri di compagni di strada, reali o ideali, di “schizzo” Jannacci. Da Beppe Viola a Cesare Zavattini, da Franco Loi a Michele Serra, da Umberto Eco a Fo o a Gadda. 
Uno spettacolo giocoso e profondo perché “chi non ride non è una persona seria”.

Acquista 

Altri metodi di acquisto

Acquista con carta di credito chiamando lo 010.8393589

Prezzi

da € 25 a € 30 + prevendita

Attenzione!
Diffidare delle prevendite non autorizzate. Le uniche rivendite autorizzate sono la biglietteria del Politeama Genovese e il circuito online ticketone.

Potrebbe interessarti

Non svegliate lo spettatore

Non svegliate lo spettatore

regia Davide CavutiOrariOre 21.00DurataLo spettacolo, firmato da Davide Cavuti, è un omaggio alla vita e alle opere di Ennio Flaiano, scrittore (vincitore del “Premio Strega” del 1947 con “Tempo di Uccidere”) e sceneggiatore di numerose pellicole dirette da Federico...

Ai miei tempi non era così…

Ai miei tempi non era così…

di Maurizio Battista, Fabrizio Gaetani, Gianluca Giugliarelli e Gianni QuintoOrariOre 21.00DurataSiamo veramente sicuri che il passato coincida con l'idea di “vecchio” e il presente con l'idea di un “nuovo” che ci costringe ad arrancargli dietro, fino a farci...

Angelo Pintus

Angelo Pintus

OrariVenerdì e Sabato ore 21 Domenica ore 16Durata2 ore senza intervalloDopo il sold out di ottobre, torna Angelo Pintus con lo spettacolo Bau. Ma con un titolo come “Bau” veramente c’è bisogno di spiegare lo spettacolo? Veramente devo dirvi di cosa parlerà? Io...