Pojana e i suoi fratelli
Pojana e i suoi fratelli

5 aprile

Pojana e i suoi fratelli

Andrea Pennacchi

di Andrea Pennacchi
musica dal vivo Giorgio Gobbo, Gianluca Segato

 

Personaggi che partono dal Nordest italiano; maschere goldoniane, conte loro ossessioni, la rabbia, i pregiudizi, che diventano specchio di una società intera. Quando mi propose di collaborare al progetto “This is Racism”, recitando il testo di Marco Giacosa per il video di “Ciao Teroni” (c’era un titolo più lungo e articolato, ma la viralità lo ha ridotto a questo), Franco Ford detto “Pojana” era già nato. Era il ricco padroncino di un mio adattamento delle “Allegre comari di Windsor” ambientato in Veneto, con tutti le sue fisse: le armi, i schei e le tasse, i neri, il nero. In seguito, la banda di Propaganda Live l’ha voluto sul suo palco, e lui si è rivelato appieno per quel che è: un demone, piccolo, non privo di saggezza ma non particolarmente in alto nella gerarchia infernale, che usa la verità per i suoi fini e trova divertenti cose che non lo sono, e che è dentro ognuno di noi. Ed eccolo qui, con tutti i suoi fratelli (Edo il security, Tonon il derattizzatore, Alvise il nero e altri) a raccontare storie con un po’ di verità e un po’ di falsità mescolate, per guardarsi allo specchio.
Andrea Pennacchi